Cos'è l'EsaBac‎ > ‎

Programma di storia

Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO – BACCALAURÉAT

  • Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d’Esame di Stato mira a costruire una cultura storica comune ai due Paesi, a fornire agli studenti gli strumenti per la comprensione del mondo contemporaneo e a prepararli ad esercitare la propria responsabilità di cittadini.

  • Il programma sarà realizzato nel corso del triennio precedente all’esame finale. Ogni Paese ne suddividerà i contenuti secondo le proprie specificità organizzative.

  • L’esame e la valutazione di storia vertono solo sui contenuti del programma di storia insegnati nel corso dell’ultimo anno.

  • Il programma è incentrato sulla storia dell’Italia e della Francia, nelle loro relazioni reciproche e ricollocate nel contesto storico della civiltà europea e mondiale.

    Finalità

    Le principali finalità dell’insegnamento della storia nel dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d’Esame di Stato sono di tre ordini:

    • -  culturali: l’insegnamento della storia assicura la trasmissione di riferimenti culturali. Concorre in questo modo alla formazione di un’identità ricca, diversificata e aperta al prossimo. Permette agli studenti di potersi meglio di potersi meglio collocare nel tempo, nello spazio e in un sistema di valori a fondamento della società democratica, così come di prendere coscienza della diversità e della ricchezza delle civiltà di ieri e di oggi;

    • -  intellettuali: l’insegnamento della storia stimola la curiosità degli studenti e fornisce loro i fondamentali strumenti intellettuali di analisi e comprensione delle tracce e delle modalità dell’azione umana. Insegna loro a sviluppare logicamente il pensiero, sia allo scritto che all’orale contribuendo pienamente al processo di acquisizione della lingua francese (o italiana) e a quello di altre forme di linguaggio;

    • -  civiche: l’insegnamento della storia fornisce agli studenti i mezzi per lo sviluppo individuale e per l’integrazione nella società. Li prepara a esercitare lo spirito critico e la capacità di giudizio. Permette di comprendere le modalità dell’agire umano nella storia e nel tempo presente. Mostra che i progressi della civiltà sono spesso il risultato di conquiste, di impegno e di dibattiti, suscettibili di essere rimessi in causa e che richiedono una continua vigilanza nella società democratica.


L’insegnamento della storia si prefigge le seguenti finalità:

  • -  comprendere i fenomeni storici evidenziandone le origini, il ruolo degli attori principali e dei diversi fattori ricollocandoli nel loro contesto;

  • -  comprendere l’approccio storiografico accertandosi dei fatti, ricercando, selezionando e utilizzando le fonti;

  • -  cogliere i punti di vista e i riferimenti ideologici impliciti nel processo di elaborazione della storia;

  • -  porsi domande, individuare le problematiche fondamentali e stabilire le relazioni tra fenomeni ed eventi storici ricollocati nel loro contesto;

  • -  cogliere le relazioni tra i fatti, gli eventi, i movimenti ideologici nella loro dimensione diacronica e sincronica;

  • -  percepire e comprendere le radici storiche del presente;

  • -  interpretare con spirito critico il patrimonio di conoscenze acquisite, anche attraverso la lettura e l’analisi diretta dei documenti;

  • -  praticare una cittadinanza attiva attraverso l’esercizio dei diritti e il rispetto dei doveri in una prospettiva di responsabilità e solidarietà;

  • -  esercitare la cittadinanza a livello locale, nazionale e mondiale basata sui valori comuni compresi nella Costituzione dei due Paesi e nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.

    Obiettivi formativi

    Al termine del triennio, lo studente dovrà essere in grado di:

  1. utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite nel corso degli studi per sapersi orientare nella molteplicità delle informazioni;

  2. utilizzare le nozioni e il vocabolario storico in lingua francese (per gli studenti italiani);

  3. ricollocareglieventinellorocontestostorico(politico,economico,sociale,culturale, religioso ecc.);

  4. padroneggiare gli strumenti concettuali della storiografia per identificare e descrivere continuità e cambiamenti;

  5. esporre in forma scritta e orale i fenomeni studiati. In particolare, per quanto riguarda la forma scritta, lo studente dovrà dimostrare di saper sviluppare la propria argomentazione coerentemente con la traccia iniziale; padroneggiare le proprie conoscenze relative ai nuclei fondanti del programma utilizzando un approccio sintetico; addurre esempi pertinenti;

  1. leggere e interpretare documenti storici; mettere in relazione, gerarchizzare e contestualizzare le informazioni contenute in documenti orali o scritti di diversa natura (testi, carte, statistiche, caricature, opere d’arte, oggetti ecc.);

  2. dar prova di spirito critico rispetto alle fonti e ai documenti;

  3. padroneggiare l’espressione in lingua francese per gli studenti italiani.

Indicazioni didattiche

Allo scopo di formare gli studenti al metodo storico, si privilegia un insegnamento in cui l’apporto delle conoscenze sia sostenuto da una solida formazione metodologica. Nel rispetto della libertà di insegnamento e della responsabilità pedagogica, il docente di storia sceglie l’approccio didattico per un efficace sviluppo di conoscenze e competenze. Utilizzerà documenti ed esempi liberamente scelti, in coerenza con il suo progetto pedagogico.

Gli studi di caso proposti nell’ambito del programma sono solo un suggerimento per i docenti, senza alcun valore prescrittivo. Ogni caso dovrà essere contestualizzato di volta in volta.



PROGRAMMA
STORIA
Fondamenti del mondo contemporaneo e della storia europea


I. – L’eredità culturale: dal passato all’età moderna


Tema 1 –
(da sviluppare facoltativamente se non precedentemente trattato):

L’invenzione della cittadinanza ad Atene nel V secolo a.C.

  • -  La legge, i diritti e i doveri nella polis.

  • -  Cittadini e pratiche di cittadinanza.

La cittadinanza nell’Impero Romano nel I e II secolo d.C.

- Il processo di romanizzazione.
- I principali aspetti della vita civile in una città dell’Impero (fuori dalla penisola italiana).


Tema 2 – Il Mediterraneo nel XII e XIII secolo: un crocevia di civiltà

  • -  I fondamenti religiosi (giudaismo, cattolicesimo, ortodossia, islamismo).

  • -  A scelta:

Gli scambi e i flussi commerciali. Le influenze culturali.

I confronti politici e militari: uno studio di caso a scelta (la Riconquista,

-
una crociata, l’anti-crociata di Saladino)


Tema 3 – Umanesimo, Rinascimento e nuovi orizzonti: una diversa visione dell’uomo e del mondo

A scelta:

- L’uomo del Rinascimento: uno studio di caso a scelta (a partire dall’opera di un artista o di uno scrittore).
- L’arte del Rinascimento: uno studio di caso a scelta (la Toscana o la Valle della Loira).

  • Il nuovo mondo: uno studio di caso (i viaggi di Cristoforo Colombo).

  • Scissione e rinnovamento della cristianità: la Riforma.


    Tema 4 – Il nuovo universo politico nato dalla Rivoluzione Francese


II.

La Francia in rivoluzione: date, immagini e simboli dal 1789 al 1804. Studio di tre eventi a scelta in prospettiva [20 giugno 1789, 14 luglio 1789, 4 agosto 1789, 10 agosto 1792, 20 settembre 1792, 21 gennaio 1793, 27 luglio 1794 (9 Termidoro anno II), 9-10 novembre 1799 (18-19 Brumaio anno VIII), 2 dicembre 1804].

Gli effetti della Rivoluzione Francese in Italia (uno studio di caso: la Rivoluzione di Napoli del 1799).

Tre esperienze politiche: monarchia costituzionale, repubblica democratica, impero.

La modernizzazione politica e sociale: i limiti e l’impatto in Europa. Uno studio di caso a scelta (la coscrizione obbligatoria, il sistema decimale, il Codice Civile, l’Università Imperiale, il Concordato).

– Il mondo contemporaneo

Tema
nell’Europa del XIX secolo


1 – L’apprendimento della politica: rivoluzioni liberali, nazionali e sociali

La Francia del 1848 e della Seconda Repubblica: politicizzazione e scontri sociali.

Attori e pensatori della Rivoluzione del 1848: uno studio di caso a scelta (uno scrittore in azione: Lamartine, Mazzini...; un filosofo giornalista: Karl Marx; un parlamentare riformatore: Victor Schœlcher).

L’Europa della “primavera dei popoli”: i risvegli nazionali tra speranze e disillusioni. Uno studio di caso: la Rivoluzione del 1848-49 in Italia.


Le unità nazionali e i nazionalismi in Europa nella seconda metà del XIX secolo:

o La formazione del Regno d’Italia dal 1861 al 1870; questioni politiche e istituzionali.

o La creazione dei nuovi Stati-nazione e i conflitti scaturiti dalle aspirazioni nazionali insoddisfatte e dall’esasperazione del sentimento nazionale (analisi e confronto di due cartine dell’Europa, una della metà del XIX secolo e l’altra del 1914).


Tema 2 – La Francia e l’Italia dalla metà del XIX secolo fino alla Prima Guerra Mondiale

Francia: dalla Seconda Repubblica (1848) al 1879; dalla ricerca di un regime politico all’ insediamento della Repubblica (1879-1914).

Italia: l’esperienza liberale e la questione sociale (1870 -1914). 


Tema 3 – I progressi della civiltà nell’età industriale dal XIX secolo al 1939

Le trasformazioni economiche, sociali, ideologiche e culturali dell’età industriale in Europa dal XIX secolo al 1939.

N.B: Il processo di industrializzazione e le trasformazioni sociali saranno studiati in una prospettiva a lungo termine. Si studieranno le principali correnti ideologiche nate dalla Rivoluzione industriale, nonché i principali movimenti filosofici, intellettuali e artistici del periodo.

L’Europa e il mondo dominato: le colonizzazioni.

Tema 4 – La prima metà del XX secolo: guerre, democrazie, totalitarismi (fino al

1945)

  • La Prima Guerra Mondiale e le sue conseguenze (uno studio di caso: neutralisti e interventisti in Italia, in particolare attraverso l’esame dei giornali dell’epoca).

  • Gli anni ’30: le democrazie e le crisi (uno studio di caso: la grande crisi della Francia degli anni ’30).

  • I totalitarismi: fascismo, nazismo, stalinismo (uno studio di caso: le particolarità dell’avvento del fascismo in Italia).

    N.B: Si analizzerà in particolare il fascismo italiano per poi passare alle caratteristiche specifiche degli altri due regimi.

La Seconda Guerra Mondiale: le fasi principali, la politica di sterminio nazista (uno studio di caso: la Shoah in Italia o in Francia a partire dallo studio delle leggi razziali e della loro attuazione).

La Francia e l’Italia durante la guerra (uno studio di caso: studio comparato dell’occupazione nazista della Francia e dell’Italia).


Tema 5 – Il mondo dal 1945 fino ai giorni nostri

  • Dalla società industriale alla società delle comunicazioni.

  • Le relazioni internazionali dal 1945: il confronto Est-Ovest fino al 1991.

  • La ricerca di un nuovo ordine mondiale a partire dagli anni ’70.

  • L’Europa dal 1946 ai giorni nostri.

  • Il Terzo Mondo: decolonizzazione, contestazione dell’ordine mondiale, diversificazione.


    Tema 6 – L’Italia dal 1945 fino ai giorni nostri

  • Istituzioni (il nuovo regime repubblicano) e le grandi fasi della vita politica.

  • Economia (la ricostruzione, il “miracolo economico”, i grandi cambiamenti dalla

    crisi degli anni ’70 ai giorni nostri).

  • Società e cultura (movimenti ideologici, evoluzione della popolazione, dello stile di vita, delle abitudini culturali e delle credenze religiose).


    Tema 7 – La Francia dal 1945 fino ai giorni nostri

  • Le Istituzioni della V Repubblica e le grandi fasi della vita politica.

  • Economia (la ricostruzione e i “trenta gloriosi” dalla Seconda Guerra Mondiale agli anni ’70; i grandi cambiamenti, dalla crisi economica degli anni ’70 ai giorni nostri).

  • Società e cultura (movimenti ideologici, evoluzione della popolazione, dello stile di vita, delle abitudini culturali e delle credenze religiose). 

Comments