Cos'è l'EsaBac‎ > ‎

FAQ


  1. Cosa rischio se fallisco le prove EsaBac all'esame?

Niente. Se le prove EsaBac dovessero essere insufficienti, lo studente non riceve il diploma di Baccalauréat ma solo il diploma di Stato italiano (purché, ovviamente, abbia superato la parte dell’esame ad esso relativa).


  1. Quanto incide il voto delle prove EsaBac sul voto finale dell'esame?

Incide in modo graduale e con un sistema di arrotondamenti per eccesso: il tema di storia e il tema di francese fanno media fra di loro e costituiscono il voto della Quarta prova, il quale a sua volta andrà a far media con il voto della Terza prova. Se, viceversa la Quarta prova scritta non fosse sufficiente, essa semplicemente non viene considerata.


  1. Posso avere il diploma di Baccalauréat se mi va male l'esame di Stato italiano ma ho fatto bene le prove EsaBac?

No. Per avere il Baccalauréat bisogna superare anche l'esame di Stato italiano.


  1. Che livello di conoscenza del francese devono avere gli studenti per superare l'esame? E' richiesta una certificazione linguistica?

E' richiesto un livello di conoscenza corrispondente al B2 del Quadro Comune Europeo di riferimento, così come per qualsiasi altra quinta classe di qualsiasi altra lingua straniera studiata, a prescindere dall'EsaBac. Non sono richieste certificazioni linguistiche.

  1. Cosa cambia all'orale rispetto all'esame normale?

Niente. La prova orale è quella del normale Esame di Stato: l'interrogazione di storia avverrà in italiano (o in francese ma solo se il candidato lo desidera). L'unica differenza è che il commissario di francese sarà sempre esterno (mentre in un normale esame di Stato il commissario di lingua è in genere esterno ad anni alterni).


  1. Il progetto EsaBac è facoltativo? Cioè, all'interno di una classe EsaBac, posso scegliere di non farlo?

No. Deve essere coinvolta l'intera classe.


  1. Le classi EsaBac devono fare obbligatoriamente uno scambio con la Francia?

Lo scambio è fortemente auspicato ma non è obbligatorio.


  1. Ma verrà studiata solo la storia della Francia?

No. Il programma di storia EsaBac è incentrato sulla storia dell'Italia e della Francia, nelle loro relazioni reciproche al fine di costruire una cultura storica comune. Tale programma va integrato a quello italiano in modo tale che, durante il quinto anno, i ragazzi affrontino comunque tutta la storia prevista dal programma italiano (grosso modo: dall'unità d'Italia ai giorni nostri); all'interno di tale programma l'insegnante di storia ritaglierà un modulo da approfondire in lingua francese relativo alla periodizzazione indicata dall'EsaBac (e cioè: dal dopoguerra a oggi), finalizzato allo svolgimento del tema di storia della Quarta prova scritta.


  1. Dovremo acquistare un libro di storia in francese?

No. La nostra scuola provvederà ad acquistare dei manuali in lingua e a fornirli ai ragazzi in comodato d'uso.

Comments